FacebookTwitterGoogle Bookmarks

Che tempo fa

Weather data OK
Porretta terme
11 °C

Cerca nel sito

Area Riservata Login




Sistema Museale Alto Reno (B.A.M.) PDF Stampa E-mail
Benvenuti a Porretta Terme - Porretta Terme

B.A.M. - Biblioteca, Archivio Storico e Museo dell’Alto Reno

Il B.A.M. rappresenta la cabina di regia ed il punto di raccordo del sistema Museale dell'alto Reno. Con l'apertura del B.A.M. , nel settembre 2004 , si è dato inizio ad un progetto culturale di ampio respiro finalizzato a valorizzare e documentare la cultura del nostro territorio, le radici e la memoria di un'intera comunità.

Il tutto è stato progettato e finanziato dal Comune di Porretta Terme in collaborazione con la Provincia di Bologna e la Fondazione della Cassa di Risparmio di Bologna.

All'interno delle sale del B.A.M., ricavate dall'antico palazzo delle Carceri Mandamentali, possono essere consultati gli importanti volumi della biblioteca di storia locale dell'Associazione Nuèter - Gruppi Studi Alta Valle del Reno, così come è possibile visitare la ricca emeroteca di riviste italiane e straniere, capaci di approfondire le conoscenze legate alla storia locale, alle problematiche ambientali, agli usi e costumi del nostro territorio e più in generale della montagna (sono presenti 5.000 volumi e 12 abbonamenti di riviste di storia locale).

Il B.A.M., grazie alla collaborazione avviata con la Fondazione Veronica Martini, mette a disposizione dei propri utenti una ricca biblioteca, emeroteca e videoteca dedicata al cinema italiano ed internazionale, al Festival Porretta Cinema e alla storia della rinomata e storica Mostra del Cinema Libero e Ritrovato (circa 1.500 volumi).

I percorsi documentari e tematici continuano con la possibilità di visionare il materiale dell'importante Archivio Storico delle Terme di Porretta legato al termalismo, dell'Archivio Storico del Comune di Porretta Terme e degli importanti archivi della Tribunale e della Pro Montibus et Silvis.

Una sala del B.A.M. è interamente dedicata alla manifestazione “Porretta Soul Festival”, rassegna di musica soul e rhythm’&blues nata nel lontano 1988 che ha visto esibirsi tutti i più grandi interpreti internazionali della musica dell’anima.

Non ultima la presenza di una sala espositiva allestita per documentare la storia delle Officine Meccaniche F.lli DALDI & MATTEUCCI.
Il B.A.M. è anche sede di numerose esposizioni e mostre d’arte di ogni genere, dalla pittura alla fotografia, alla scultura e all’artigianato artistico.

La rete del Sitema Museale dell’Alto Reno

Il B.A.M. vuole avere anche una funzione museale, vuole valorizzare le diverse identità storiche presenti nel nostro territorio, che comprende, oltre al B.A.M., la Biblioteca di pubblica lettura del Comune di Porretta Terme, il Museo etnografico LabOrantes di Castelluccio, contenente l'esposizione permanente di arredi di arte sacra, segni della devozione popolare e gli strumenti del lavoro montanaro, il Museo delle Moto e dei Ciclomotori DEMM sito all'interno dello stabilimento della DEMM.


Torna su


Biblioteca di pubblica lettura

Essa promuove l’acquisizione, la raccolta, l’ordinamento, la conservazione, la tutela e la pubblica fruizione della documentazione e dell’informazione registrata su materiale a stampa e non.
Esso si propone di favorire la crescita culturale della collettività locale:
- garantendo a tutti l’accesso agli strumenti di informazione;
- assicurando il pluralismo di impostazione e la molteplicità degli strumenti stessi, affinché dal confronto critico ciascuno sia in grado di elaborare una conoscenza motivata;
- stimolando l’educazione permanente;
- contribuendo all’attuazione del diritto allo studio.

Il prestito bibliotecario è consentito a tutti, per usufruirne è sufficiente presentare un documento di identità la prima volta che si accede al servizio, per i ragazzi sotto ai 14 anni garantirà un familiare.

Sempre nei locali della biblioteca è attivo il servizio gratuito di “internet point” con due postazioni. E’ sempre consigliabile prenotarsi preventivamente.
La biblioteca pubblica del Comune di Porretta Terme è detentrice del seguente patrimonio:
- circa 6.500 volumi
- n. 6 abbonamenti attivi a riviste
- n. 4 abbonamenti attivi a quotidiani

Di seguito elenchiamo le iniziative di promozione della lettura rivolte a tutte le scuole di ogni ordine e grado dell’Alto Reno:

ASILI
NIDO
ritornello
del nido
nido e
biblioteca
incontri di avvicinamento al mondo dei libri e alla narrazione, costruito assieme alle educatrici sui temi affrontati con i bambini durante l'anno
leggere
leggeri
biblioteca o
cantine BAM
letture animate su temi scelti dalle educatrici (ambiente, intercultura, storia locale, ecc.)
SCUOLE
MATERNE
incontro
con gli
scrittori
biblioteca
se avete letto i libri suggeriti dagli insegnanti quest’estate, allora gli scrittori di cui parliamo non sono proprio dei veri e propri fantasmi!
In biblioteca sono in programma incontri con gli autori dei libri più letti dai ragazzi, sono inoltre disponibili informazioni relative a questi autori (bibliografie, temi delle loro opere, tipologia degli incontri, fasce d’età, ecc.)             
SCUOLE ELEMENTARI
leggere leggeri biblioteca
o
cantine BAM
letture animate su temi scelti dalle educatrici (ambiente, intercultura, storia locale, ecc.)
cos'è la biblioteca? biblioteca n. 2 incontri su come è organizzata una biblioteca
poesiamo? biblioteca n. 1 incontro dedicato alla poesia
un libro lungo un anno
(classi 4° e 5°)
biblioteca testi proposti a.s. 2005-2006: 1) Stefano Bordiglioni, Un problema è un bel problema (area logico-matematica, 2) Emanuela Da Ros, Il giornalino Larry (area linguistica), 3) Jean Giono, L'uomo che piantava gli alberi (ambiente), 4) AAVV. Grandi scrittori per piccoli lettori (Oscar Wilde, Edgar Allan Poe, Isaac Bashevis Singer, Daniel Pennac e altri), 5) Roald Dahl (qualsiasi testo)
piccoli esploratori crescono
(classi 4° e 5°)
biblioteca
o
scuola
"gioco" a gruppi che aiuta a scoprire alcune tecniche fondamentali per fare una ricerca utilizzando libri
incontro con gli scrittori biblioteca se avete letto i libri suggeriti dagli insegnanti quest’estate, allora gli scrittori di cui parliamo non sono proprio dei veri e propri fantasmi!
In biblioteca sono in programma incontri con gli autori dei libri più letti dai ragazzi, sono inoltre disponibili informazioni relative a questi autori (bibliografie, temi delle loro opere, tipologia degli incontri, fasce d’età, ecc.)
SCUOLE     MEDIE
mi scappa da…leggere! biblioteca n. 1 incontro con lettura di testi umoristici e comici
poesiamo? biblioteca n. 1 incontro dedicato alla poesia
la notte dei libri viventi! biblioteca incontri dedicati alla lettura di testi horror e di fantascienza
un racconto al mese biblioteca incontri dedicati al racconto, forma letteraria non molto seguita in Italia
piccoli esploratori crescono biblioteca o scuola
"gioco" a gruppi che aiuta a scoprire alcune tecniche fondamentali per fare una ricerca utilizzando libri
incontro con gli scrittori biblioteca se avete letto i libri suggeriti dagli insegnanti quest’estate, allora gli scrittori di cui parliamo non sono proprio dei veri e propri fantasmi!
In biblioteca sono in programma incontri con gli autori dei libri più letti dai ragazzi, sono inoltre disponibili informazioni relative a questi autori (bibliografie, temi delle loro opere, tipologia degli incontri, fasce d’età, ecc.)

SCUOLE
SUPERIORI

un libro

lungo

un anno

biblioteca incontri di lettura di testi di autori contemporanei o classici, con appuntamenti cadenzati nel corso dell'anno

un racconto

al mese

biblioteca incontri dedicati al racconto, forma letteraria non molto seguita in Italia

la notte dei

libri viventi!

biblioteca incontri dedicati alla lettura di testi horror e di fantascienza

Sono attive anche iniziative rivolte ai più piccoli, siano essi residenti, turisti o scolari. Con il progetto “Fiabe in Cantina” Marco e Alessandro, su prenotazione (Tel. 0534.22021 o 0534.521103), leggono e animano, con l’utilizzo di strumenti a percussione, antiche fole montanare ed alcune fiabe tratte dalla migliore letteratura per l’infanzia del passato e del presente nelle suggestive cantine del B.A.M.

E’ attivo anche il servizio a “domicilio “ denominato “Fiabe della Buonanotte” dove Marco e Alessandro, sempre su prenotazione (Tel. 0534.22021 o 0534.521103), sono disponibili a raccontare le migliori fiabe direttamente a casa o in albergo dei piccoli (o grandi) che ne fanno richiesta.

Torna su

Orari e contatti


Museo etnografico “LabOrantes”
Chiamando il numero 0534 22021, un operatore sarà sisponibile ad aprire la struttura in giornata.

Sito a Castelluccio, una frazione del Comune di Porretta Terme, il Museo etnografico LabOrantes, offre ai propri ospiti un percorso espositivo centrato essenzialmente su due tematiche tese a documentare per segni e significati la vita della comunità locale:
- Arredi e arte sacra con numerose testimonianze di devozione popolare come le tavolette votive;
- ricostruzione degli ambienti di vita domestica e del lavoro montanaro, con oggetti e strumenti appartenuti a donne e uomini che di quell'uso facevano la propria ragione di sopravvivenza.

Numerose sono le testimonianze di devozione popolare ivi conservate. Una sala è interamente dedicata alle tavolette votive - dipinte o manufatte attraverso le più svariate tecniche artigianali e artistiche - provenienti dal Santuario della Beata Vergine de Faggio e dal Santuario della Madonna del Ponte di Porretta Terme.

Inoltre sono esposti arredi e complementi sacri relativi alle solennità liturgiche, nonchè paramenti, abiti talari e addobbi religiosi relativi ad un arco di tempo compreso tra il XVIII e il XX secolo scelti con particolare riguardo alle feste e alle celebrazioni religiose più sentite sul territorio: liturgia dei periodi forti (Natale, Pasqua), feste santuariali, ricorrenze locali, etc.

Nell'affidarsi alle abilità tecniche della realtà artigianale locale, da generazioni ben radicata sul territorio, l'allestimento ha voluto previlegiare materiali semplici come legno, ferro e vetro e formule espositive mediate da una certa sensibilità artistica pur nel rispetto delle forme tradizionali di culto per il sacro.

Una seconda sezione espositiva documenta vari aspetti della vita e del lavoro nella montagna. La ricostruzione della cucina (cuore della vita familiare), il ciclo colturale della castagna, l'artigianato, arcaici e suggestivi sistemi di illuminazione ormai dimenticati.
L'abbigliamento ed altre interessanti attività tradizionali sono interpretate attraverso la fruizione di oggetti e strumenti appartenuti ad uomini che di quell'uso facevano la propria ragione di sopravvivenza in un territorio a tratti molto selvaggio, non sempre complice di benessere e davvero poco generoso con le genti del posto.

Torna su

Orari e contatti


Museo delle Moto e dei Ciclomotori DEMM

Inaugurato nel maggio 2005, il “Museo delle moto e dei ciclomotori DEMM” è stato realizzato grazie essenzialmente alla passione e all’impegno di Giuliano e Mosè Mazzini. Giuliano Mazzini ha dedicato un’intera vita alla DEMM: entrato in azienda come disegnatore meccanico divenne Direttore di produzione, consigliere delegato e vicepresidente; fin dal 1985, in collaborazione con il figlio Mosè iniziò un lungo e paziente lavoro di recupero, restauro e valorizzazione dei documenti, dei prototipi e dei modelli legati alla gloriosa produzione moto e ciclomotoristica della DEMM. La casa DEMM ha prodotto:
- ciclomotori con motori da 40cc, 49cc e 53cc in versione 2 e 4 tempi in oltre 800.000 unità di cui il 15% export;
- motoleggere con motori da 75cc, 125cc e 175cc in versione 2 e 4 tempi in oltre 7.000 unità;
- motocarri e ciclocarri con motori da 49cc e 175cc 2 tempi in oltre 1.500 unità.
Nel museo sono esposti motori sezionati, disegni esplosi degli stessi, motori per uso industriale, automobilistico e motociclistico corredati da un percorso tecnico-storico.
Cimentarsi nel raggiungimento di record mondiali fu per la DEMM un obiettivo prestigioso.
Ben tre tentativi portarono la DEMM a conquistare i record. Due nel 1956 e l’ultimo nel 1958. All'interno del museo si può vedere il Siluro (ciclomotore carenato con motore 50cc 2 tempi – in foto). Unico esemplare che nel 1956 conquistò 24 record mondiali. Ancora nel 1964 la DEMM deteneva quattro record mondiali conquistati nel 1956. La partecipazione alle competizioni nazionali sono terminate per la DEMM nel 1958.
Nel museo sono esposte le moto che per oltre un ventennio, a partire dal '54, hanno partecipato ai campionati italiani. In queste prestigiose competizioni la DEMM aveva come avversari moto Ducati, Motobi, Bultaco e Morini. La DEMM ha vinto il campionato italiano della montagna nel 1961-62-63, nelle categorie 50cc e 125cc.
Per un trentennio (dal ‘52 all’82) la DEMM sarà sempre presente nei maggiori saloni espositivi italiani, negli anni '60 si inserì al terzo posto nelle vendite di ciclomotori in Italia.
I ciclomotori DEMM sono stati esportati in: USA, Argentina, Brasile, Iran, Svizzera, Inghilterra, Germania. Il museo ha raccolto il maggior numero di modelli prodotti, anche solo prototipi. All'interno del museo si possono vedere tutti i dépliant che illustrano i dettagli tecnici di ogni modello. Inoltre sono esposte foto di partecipazione alle fiere, ai raid esteri con motoleggere: i ciclomotori. Ora questo prezioso lavoro, promosso alla B.I.T. 2005 (Borsa Internazionale del turismo di Milano) all’interno dello stand della Regione Emilia-Romagna a fianco di nomi storici e prestigiosi come Ferrari, Lamborghini e Ducati, viene offerto alla nostra comunità.demm

La nascita di questo museo la si deve essenzialmente alla passione e all’impegno di Giuliano e Mosè Mazzini. Giuliano Mazzini ha dedicato un’intera vita alla DEMM: entrato in azienda come disegnatore meccanico divenne Direttore di produzione, consigliere delegato e vicepresidente; fin dal 1985, in collaborazione con il figlio Mosè iniziò un lungo e paziente lavoro di recupero, restauro e valorizzazione dei documenti, dei prototipi e dei modelli legati alla gloriosa produzione moto e ciclomotoristica della DEMM. Ora questo prezioso lavoro, promosso alla B.I.T. 2005 (fiera del turismo) di Milano all’interno dello stand della Regione Emilia-Romagna a fianco di nomi storici come Ferrari, Lamborghini e Ducati, viene offerto alla nostra comunità.

Questo museo va ad aggiungersi al Sistema Museale che comprende anche il Museo LabOrantes di Castelluccio dedicato alla storia del lavoro e della devozione popolare delle genti della nostra montagna.

E’ possibile visitare il museo sabato dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle ore 16.00 alle 19.00, domenica dalle ore 16.00 alle 19.00, e gli altri giorni su prenotazione, telefonando al numero 0534-22021.

Torna su

Orari e contatti


Le carte d’imbarco

Una della caratteristiche più significative del B.A.M. consiste nel progetto "Carte d'imbarco" che rappresenta una stimolante occasione per vivere l'importante materiale informativo e documentaristico presente al B.A.M.. Il progetto "Carte d'imbarco" nasce dall'idea di viaggiare e far viaggiare i nostri utenti senza muoversi da Porretta Terme, semplicemente seguendo le suggestioni fantastiche e le informazioni scientifiche e storiche contenute nei documenti conservati nel B.A.M.
Il documento, sia esso cartaceo o multimediale, verrà messo al centro di un percorso finalizzato alla sua presentazione ed alla sua animazione con il supporto di compagnie teatrali altamente qualificate. Le Carte d'imbarco possono essere acquisite direttamente presentandosi al B.A.M., presso lo I.A.T. (l’ufficio di informazioni ed accoglienza turistica del Comune di Porretta Terme), negli hotel e nelle agenzie di viaggio del territorio.
Ecco nel dettaglio le quattro Carte d'imbarco (per prenotazioni Tel. 0534-22021):

 

1. "Fortuna delle Acque"
Il primo percorso è dedicato ai temi del termalismo e condurrà; il "viaggiatore" attraverso percorsi di animazione e spettacolarizzazione dei documenti legati alle terme di Porretta e più in generale al termalismo italiano.
2. "L'Oro Blu"
Questo percorso tratta un tema di grande attualità l'acqua, argomento che verrà affrontato sia da un punto di vista scientifico sia in relazione ad aspetti di grande attualità come quelli legati alla desertificazione, al dissesto idrogeologico ed agli sprechi energetici. Sono previste visite presso i bacini artificiali di Suviana e Brasiamone e al mulino del Randaragna.
3. "Quella si era fatica davvero"
Si scoprirà cosa significava lavorare in montagna nel tempo che fu, visitando l'antica ferriera di Cà D'Alessio ed il Museo LabOrantes di Castelluccio ed analizzando i luoghi legati alle tematiche del lavoro.
4. "Terra di Motori"
Questo viaggio nella cultura e nelle tradizioni storiche del nostro territorio è dedicata ai motori ed alla storia della DEMM, con la visita al Museo dei Motori.

Gli utenti che intenderanno intraprendere questi viaggi potranno usufruire delle guide di eccezione protagoniste delle diverse Carte di imbarco, veri e propri "stalker" che si prenderanno cura dei nostri viaggiatori nel tempo e nella storia di Porretta. E' inoltre attivo per le scuole un servizio di trasporto ai luoghi facenti parte di ogni Carta d'imbarco.

E’ attivo anche un altro progetto studiato ad hoc per le scuole e per i giovani visitatori del nostro B.A.M.. Si tratta del progetto denominato "Marmellate Archivistiche" vere e proprie merende a base di pane e marmellata finalizzate a presentare i documenti di archivio del B.A.M. in un contesto piacevole e stimolante come il Parco Roma.

Torna su


Chiamando il numero 0534 - 22021, un operatore sarà disponibile ad aprire la struttura in giornata.
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Italian English French German Greek Portuguese Russian Slovenian Spanish

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Ulteriori informazioni.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information